Skip to content

Oltre la Great Resignation

Sette priorità chiave per le Risorse Umane nel “new normal”

Great Resignation - Sette priorità chiave per le Risorse Umane

I trend in atto dimostrano che oggi i talenti sono più importanti che mai.

La pandemia ha spinto molti dipendenti a rivalutare le proprie preferenze. La cosiddetta YOLO economy del post-Covid ha reso i lavoratori più coraggiosi, incoraggiandoli a trasformare la loro “attività secondaria” nella principale fonte di reddito o ad esigere condizioni di lavoro più flessibili dal proprio datore di lavoro. Le cosiddette “Grandi Dimissioni” hanno causato un’impennata del tasso di abbandono volontario, con molti dipendenti che hanno scelto di lasciare posti sicuri per cercare condizioni migliori, maggiore flessibilità o un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Insieme, queste tendenze pongono un duplice problema alle organizzazioni: riuscire a trattenere i talenti esistenti e, allo stesso tempo, riuscire ad attrarre i nuovi talenti di cui hanno bisogno per accelerare l’uscita dalla pandemia delle loro aziende. In questo e-book, vi guideremo attraverso sette priorità strategiche che pensiamo possano aiutare la vostra organizzazione ad affrontare i nuovi rischi legati al talento e a navigare con successo nel nuovo mondo del lavoro.

Leggi il report completo


Compila il modulo per ricevere il report 

*Campi obbligatori

webpart.gatedcontentform.loading…

Related Insights


Un lavoratore su tre soffre di burnout: cosa possono fare i datori di lavoro per invertire questa tendenza?

Secondo l'International Workforce and Wellbeing Mindset Study di Alight 2022, lo stress sul posto di lavoro è in aumento a livelli allarmanti. Lo studio ha rilevato che negli USA e Europa il 73% dei dipendenti giudica i propri livelli di stress attuali come "moderati" o "elevati".

Case study: Gruppo Chiesi

Scopri di più sul progetto di labour e workforce planning di Chiesi Group Italia e sulla sua trasformazione digitale.

Come creare diversità, equità e inclusione sul posto di lavoro

Solo il 50% degli intervistati nel rapporto Winning with Wellbeing di Alight ha dichiarato che il proprio datore di lavoro sostiene un ambiente di lavoro diversificato.